Visualizzazione post con etichetta emilia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta emilia. Mostra tutti i post

venerdì 8 giugno 2012

Work in progress

Come avrete notato, in questi giorni il blog sta cambiando, è in continua evoluzione... diciamo che sto cercando di adattarlo alla mia personalità, anch'essa in continua evoluzione... Ma work in progress è anche riferito alla mia vita, diciamo che c'è un progettino in ballo che se dovesse andare in porto potrebbe cambiare la mia vita una volta per tutte... in modo positivo ovviamente... al momento è solo a livello di idea, la settimana prossima potrebbe passare su carta... e chissà, presto potrebbe diventare realtà... non vi posso svelare ancora nulla perché non c'è ancora nulla di certo... ma nel caso sarete informati... per il resto siam qui, in attesa di questa estate che non si capisce se arriva o no, con un lento ritorno alla normalità, con il terremoto che continua in forma di sciame sismico e non si sa più cosa aspettarci... c'è uno stato di apatia... non si sa se sia la calma dopo la tempesta o il respiro prima del grande balzo (per citare gandalf ne "il ritorno del re") siamo qui sospesi... allora tanto vale prenderla come viene... che è sempre la cosa migliore...



Rock And Roll!!!!!

lunedì 4 giugno 2012

Terremoto

eh si... come ben sapete qui in emilia da un pò si vive sul chi va là... anche chi abita "relativamente" lontano dalle zone dell'epicentro, non può fare a meno di spaventarsi quando arrivano le scosse... di notte si dorme poco e male, ogni minima vibrazione fa scattare... d'altra parte il terremoto esiste da sempre, è une delle "forme" più antiche in cui la terra ci fa capire che è viva, e che noi siamo gli intrusi... i terremoti ci sono da sempre, di certo 1000 e più anni fa essendoci zone poco popolate i danni erano relativamente pochi, oggi la popolazione è aumentata, si vive tutti ammassati, e quando la terra si sveglia son cazzi per tutti... ma la terra non ha colpa... per anni e anni gli esperti ci hanno dato a intendere che l'emilia non era zona sismica, e di conseguenza si è costruito senza pensare troppo alle conseguenze... oggi quegli stessi esperti ci dicono: scusate, ci siamo sbagliati, voi emiliani sotto il culo avete delle faglie in movimento e ora son cazzo vostri... eh, peccato che se ne sono accorti troppo tardi... andate a spiegarlo alle famiglie che hanno perso tutto, familiari compresi che vi siete sbagliati... però questo ci dimostra quanto siamo piccoli su questa terra... e che la terra vince sempre, per quanto noi la maltrattiamo, lei si riprende ciò che le era stato tolto... sempre!!!


Rock And Roll!!!!!!